Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

POLLICE IN GIU'

Caro Palihapitiya,
che ora da pentito spargi angosce apocalittiche sull’uso dei social network, male assoluto da cui tenersi lontani (gli altri, perché tu ci ha costruito capitali) sostenendo che “abbiamo creato un sistema di gratificazione che sta distruggendo il modo normale in cui la società funziona”, ti chiedo:
qual era il modo normale in cui la società funzionava? Non l’ho capito.

Io so che con i social posso:
- sentire spesso persone che non ho modo di incontrare altrimenti (per via delle distanze, del tempo)
- osservare cosa pensano amici e non di ciò che accade nel mondo, che idee si fanno, e senza necessariamente doverci discutere, posso semplicemente ascoltare
- conversare con persone esperte di un tema (professori, guru, sapienti) che non avrei mai potuto raggiungere in altro modo
- promuovere le mie attività professionali o aziende che trovo meritorie facendole conoscere a un gran numero di persone che non avrei mai raggiunto, in varie parti del mondo, a costo zero o c…

Ultimi post

Siamo tutti Cyborg

Big Data e Turismo 4.0

La carta e il digitale: un tema Scomodo

Offuscamento: strategie di politica digitale

Computer quantistici e Big Data

Dati Turismo

Turismo 4.0

L’errore di Jim Messina

Disintermediazione o verità rivelata (e allora Lutero?)

Google ti controlla e ti condiziona? Proteggiti e confondilo!

Verità a posteriori (un altro senso del post-truth)

Trump, primo presidente dell'era post-letteraria

L'insignificanza, l'ego e internet

Post-truth

Lo statuto fluido delle immagini contemporanee

Che cosa sognano gli algoritmi

Populismo digitale

Dataismo

A tu per tu con Zygmunt Bauman

A memoria

La social media strategy dell'Isis in 12 punti

Essere ovunque

Senza smartphone ci sentiamo nudi. Perché?